SANIFICAZIONE AMBIENTI

Rendi il tuo ambiente sicuro da agenti patogeni

Una corretta sanificazione e disinfezione degli ambienti è una procedura fondamentale per combattere il diffondersi di coronavirus e altri agenti patogeni. Per prevenire e arginare la diffusione, la nostra azienda, leader nella sanificazione interviene ogni giorno, h24 con il lavaggio, la pulizia e la sterilizzazione di ambienti e superfici.

Il processo di sanificazione

IL CLASSICO PROCESSO DI SANIFICAZIONE E’ COSTITUITO DA 4 FASI:

1) LA PULIZIA O DETERSIONE (IL PRODOTTO DETERGENTE)
2) IL RISCIACQUO
3) LA DISINFEZIONE (IL PRODOTTO DISINFETTANTE)
4) IL RISCIACQUO

UNA SUPERFICE SI CONSIDERA SANIFICATA QUANDO:
° NON C’E’ PRESENZA VISIVA DI SPORCO;
° NON E’ UNTA AL TATTO;
° NON EMANA ODORI SGRADEVOLI;
° L’ACQUA VERSATA SULLA SUPERFICE LAVATA COLA UNIFORMEMENTE, (SE SI FORMANO GOCCIOLINE LA SUPERFICE NON E
COMPLETAMENTE SGRASSATA);
° UN FAZZOLETTO DI CARTA PASSATO SULLA SUPERFICE LAVATA NON DEVE RISULTARE ANNERITO O ALTERATO NEL SUO COLORE ORIGINALE;
° NON C’E’ PRESENZA DI GERMI PATOGENI;
° C’E’ UNA RIDOTTA PRESENZA DI ALTRI GERMI.

IL PROCESSO DI SANIFICAZIONE E’ COSTITUITO DA 4 FASI:
1) PULIZIA O DETERSIONE
2) RISCIACQUO
3) DISINFEZIONE
4) RISCIACQUO

1. LA PULIZIA O DETERSIONE
Lo sporco si può suddividere in 2 grandi categorie:
– di tipo organico, rappresentato da residui di carne, grassi di pesce, residui amidacei, zuccheri, latte e da colonie di lieviti, batteri e muffe;
– di tipo inorganico, rappresentato soprattutto da residui di calcare e dalla pietra di
latte.
LA SCELTA DEL DETERGENTE DEVE ESSERE FUNZIONALE AL TIPO DI SPORCO CHE SI INCONTRA.
LE CARATTERISTICHE DI UN BUON DETERGENTE, SIA ESSO ALCALINO, NEUTRO, O ACIDO, DOVREBBE ESSERE:
– grande effetto detergente;
– elevato potere bagnante, penetrante ed inbibente;
– potere emulsionante e disperdente;
– capacità di operare con acque di diversa durezza;
– facilità di risciacquo

2. LA DISINFEZIONE
Disinfettare significa, ridurre la quantità di microrganismi presenti eliminando completamente i germi patogeni.
I fattori che possono influenzare il risultato finale dell’operazione sono:
– efficacia dell’azione di detersione;
– completezza dell’azione di risciacquo;
– tipo di disinfettante;
– la concentrazione del disinfettante;
– il tempo di contatto.

I prodotti che vengono utilizzati per la disinfezione sono molteplici, con caratteristiche ed efficacia diverse. Un buon disinfettante dovrebbe:
– distruggere i microrganismi patogeni;
– non macchiare le superfici trattate;
– avere uno spettro d’azione il più ampio possibile
– non essere corrosivo verso i materiali a contatto;
– agire anche in presenza di acque dure
– essere attivato a basse temperature.

3. IL RISCIACQUO
Un accurato risciacquo dopo la fase di detersione consente di:
° eliminare eventuali residui di sporco;
° eliminare residui di detergente;
° preparare al meglio la superfici per la fase di disinfezione;
° UN altrettanto attento risciacquo finale (dopo la fase di disinfezione) , consente
l’eliminazione di eventuali residui di soluzione disinfettante evitando la possibilità
di contatto diretto fra prodotto chimico ed alimentare.

Il prodotto di sanificazione è conforme ai Criteri Ambientali Minimi (CAM) di cui al DM 24/05/2012 e al DM 18 ottobre 2016 (C.A.M. Ospedaliero).
Il prodotto è un composto a base di dicloroisocianurato di sodio, con un contenuto di cloro attivo del 33% che diluito in acqua libera acido ipocloroso per una pronta azione disinfettante.
Il prodotto è inoltre particolarmente indicato per la disinfezione di pavimenti e attrezzature ospedaliere fatta eccezione per la disinfezione di ferri chirurgici o altre attrezzature simili per i quali è richiesta la sterilità assoluta compreso l’effetto sporicida.
Il prodotto è destinato anche alla disinfezione delle attrezzature, tubazioni, serbatoi, linee di confezionamento, mezzi di trasporto ed altri oggetti usati nel settore lattiero, caseario, ortofrutticolo, nell’industria delle bevande e delle conserve. È indicato per la degerminazione di superfici, piani di lavoro e o pareti in cucine, servizi igienici, in ospedali, collegi, caserme, ristoranti, alberghi o altri insediamenti con confluenze di più persone.
È adatto alla disinfezione di bicchieri e stoviglie quando si mettono in ammollo con GRIT SPECIAL INODORE. Viene utilizzato
per la disinfezione finale delle superfici nell’industria alimentare dopo il lavaggio a schiuma o con idropulitrice.

Test di efficacia microbiologica certificati da:
Abbott Analytical Birkenhead UK – Blutest Laboratories Glasgow Scotland UK – ASL 70 Alessandria
UNI‐EN 1276 Attività battericida in sospensione
UNI‐EN 13697 Attività battericida di superficie con interferenti
Diluizione d’uso 200 ppm (1 pastiglia da 3,25 g in 5 L d’acqua)
UNI‐EN 13697 Attività battericida di superficie in condizioni di sporco
Diluizione d’uso 750 ppm (3 pastiglie da 3,25 g in 4 L d’acqua)
Efficace in 5 minuti a 20°C su Pseudomonas aeruginosa
Escherichia coli
Staphilococcus aureus
Enterococcus Hirae

UNI‐EN 1650 Attività fungicida in sospensione
UNI‐EN 13697 Attività fungicida di superficie

Efficace in 15 minuti a 20°C su Aspergillus niger
Candida albicans
UNI‐EN 14476 Attività virucida in sospensione
Efficace in 15 minuti a 20° C Poliovirus 1 Adenosvirus 5

CONTATTI

  • Via Giuseppe de Felice, 36, 95045 Misterbianco (Catania)
  • +39 340 362 0880 | +39 095 216 7901
  • [email protected]

Copyright

Cookie Policy

Condizioni e Trattamento Dati

Privacy Policy

CORONAVIRUS?

SIAMO SEMPRE APERTI! SANIFICA IL TUO AMBIENTE
A causa di questa emergenza
ti proteggiamo con il nostro servizio di sanificazione!

Sanifica i tuoi ambienti, chiama i numeri

+39 340 362 0880 | +39 095 216 7901

[email protected]